Camperizzare un furgone 4 Il tetto

Una volta coibentato il mezzo per isolarlo, abbiamo proceduto con il tetto. In Camperizzare un furgone 4 Il tetto, vi illustriamo i passi che abbiamo seguito per montare l’oblò, i faretti e il rivestimento interno del tetto.

Come tutto il resto del furgone, anche il tetto andava coibentato, in quanto punto molto delicato per l’ingresso e la fuoriuscita del calore.

Inoltre, i furgoni commerciali di norma non hanno finestrini nel vano di carico, quindi era obbligatorio installare un punto di aerazione in vista del collaudo. Da qui la scelta di posizionare un oblò sul tetto.

Non avendo finestrini, è stato infine necessario inserire sei punti luce che potessero illuminare la nostra zona letto, il tavolo e la cucina.

Camperizzare un furgone 4 Il tetto

L’oblò

Gli oblò omologati si presentano sostanzialmente in due tipologie: con o senza ventola. Nonostante la ventola a detta di molti sia un elemento fondamentale, in quanto previene una eccessiva condensa all’interno del mezzo (soprattutto quando si cucina), abbiamo deciso di installare un oblò base.

Camperizzare un furgone 4 Il tetto

Oltre a essere meno costoso, un oblò senza ventola non consuma energia elettrica. Informandoci qua e là siamo infatti giunte alla conclusione che o si acquista un oblò professionale con una ventola potente, o gli oblò a ventola in commercio, oltre a consumare una quantità davvero eccessiva di elettricità, sono praticamente inutili.

Un altro elemento che fa una enorme differenza di prezzo è il colore dell’oblò. Gli oblò opachi, di norma bianchi o grigi, costano sensibilmente meno di quelli trasparenti. Una infame trovata commerciale, insomma, perché chi non vorrebbe poter guardare le stelle dall’interno del proprio van?

Alla fine abbiamo optato per un oblò universale 40x40cm a manovella e l’abbiamo apposto sopra la zona cucina.

Smontato il portapacchi del furgone, con l’ausilio di una scala abbiamo esplorato il tetto. Una volta trovato il punto più liscio della carrozzeria, abbiamo preso accuratamente le misure.

Camperizzare un furgone 4 Il tetto

Dopodiché abbiamo realizzato un foro di 39x39cm con il seghetto alternativo e una lama apposita per metalli, partendo da dei fori realizzati con il trapano per agevolarne lo scorrimento.

Camperizzare un furgone 4 Il tetto

Limato il metallo in eccesso, abbiamo applicato l’oblò, sigillandolo con del silicone. Infine abbiamo rivestito la parte interna dell’oblò con una cornice di legno, abbellita a sua volta da delle piccole strisce di formica. Questo dopo averla adeguatamente isolata con la schiuma poliuretanica.

Camperizzare un furgone 4 Il tetto

I faretti

Prima di tutto, abbiamo dovuto scegliere dove posizionare i faretti, che costituiscono la nostra illuminazione primaria all’interno di Havana.

Una volta stabilita la posizione dei faretti, abbiamo fissato delle canaline di plastica per lo scorrimento dei cavi al tetto della carrozzeria. Questo passaggio è essenziale, in quanto consente di procedere con la coibentazione della parte superiore del van, senza dover montare subito l’impianto elettrico.

Un passaggio talmente essenziale che… Lo abbiamo sbagliato in pieno. Le canaline da elettricista consentono il passaggio dei cavi, ma non possono niente contro curve eccessivamente strette. O veri e propri scavi nel legno.

Camperizzare un furgone 4 Il tetto

Non essendo elettriciste e non capendo niente di questo mondo, abbiamo fatto un gran disastro. Che per fortuna mio padre è riuscito a sistemare con qualche ora di lavoro. Il risultato finale è stato ottimo, ma il lavoro delle canaline praticamente vano.

Camperizzare un furgone 4 Il tetto

Un lavoro fatto bene avrebbe previsto l’uso di canaline di alta qualità e dei cavi interi, non dei rattoppi tenuti insieme dal nastro adesivo (avevamo usato dei cavi a terra giusto per creare una guida all’interno delle canaline, dentro la quale far scorrere i due poli in un secondo momento). Ma del sen del poi son pien le fosse!  Sicuramente un errore del genere non lo commetteremo più.

La coibentazione 

Fatti passare i cavi, è ora di procedere con l’isolamento del tetto. Il processo che abbiamo seguito è stato identico a quello della coibentazione delle pareti del furgone.

Camperizzare un furgone 4 Il tetto

Anche le difficoltà sono state le stesse, in quanto le lastre di compensato andavano tagliate e sagomate a misura (anche intorno all’oblò). Abbiamo poi avvitato le assi del tetto a delle assicelle di legno poste in prossimità dei montati di metallo per rinforzare la struttura. Le viti autofilettanti, il trapano e l’avvitatore hanno fatto il resto.

Camperizzare un furgone 4 Il tetto

Camperizzare un furgone 4 Il tetto

Una volta acquistati i faretti, con l’ausilio di un trapano con punta a tazza, abbiamo realizzato i fori ad incasso in cui posizionarli in un secondo momento.

Abbiamo rivestito il tetto di Havana con lo stesso materiale utilizzato per le pareti e abbiamo completato così la coibentazione del mezzo.

Camperizzare un furgone 4 Il tetto

Camperizzare un furgone 4 Il tetto è l’ultimo passaggio che abbiamo dovuto seguire prima di dedicarci all’allestimento dell’interno del van. In Camperizzare un furgone 5 La cucina entreremo nel vivo della conversione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *