Serie TV

Cinque motivi per vedere The End of the Fucking World

Avrei dovuto leggere i cinque motivi per vedere The End of the Fucking World molto prima.

Lo ammetto, ho tardato un po’ prima di decidermi a vedere la prima puntata di The End of the Fucking World. I teen drama non mi appassionano più dai tempi delle elucubrazioni mentali di Dawson Leery. E, soprattutto, non ho più l’età.

Ma The End of the Fucking World è diverso, originale e fresco.

Adattamento dall’omonimo fumetto di Charles Forsman, questa serie di Netflix merita di essere vista. Ecco di seguito i cinque motivi per vedere The End of the Fucking World.

1. La scuola di David Lynch

Sono tanti gli elementi di TEOTFW strettamente connessi alla produzione lynchiana.

Siamo nel Regno Unito ma i diner americani rétro la fanno da padrona e ricordano molto le disperate ricerche di un buon caffè nero e di una fetta di torta dell’agente Cooper in Twin Peaks. Qui appaiono almeno quattro volte su otto puntate!

La parrucca bionda di Alyssa, coprotagonista di James, ricorda invece il caschetto di Laura Dern-Diane Evans, musa-feticcio di David Lynch, in Twin Peaks.

Alyssa e James in fuga sono la copia perfetta di Laura Dern e Nicholas Cage in Cuore selvaggio. Ma in versione adolescenti.

Gli intermezzi musicali da pulp movie, la detective in impermeabile, le inquadrature dal basso e i siparietti tragicomici sulla scena del delitto raggiungono l’apoteosi della citazione (o dell’omaggio?) a David Lynch.

L’apertura sui sobborghi alla Velluto blu e i ralenti, insieme a una fotografia dal sapore vintage fatta di color seppia sbiadito, concludono in modo perfetto il quadro lynchiano.

2. La fotografia e la scenografia 

Nonostante la serie sia presumibilmente ambientata nella nostra contemporaneità, tutto, ogni singolo dettaglio, ci fa rivivere una atmosfera rétro anni Sessanta. I diner, le auto, l’abbigliamento di Alyssa e James, i colori, la musica: tutto è perfettamente studiato per riportarci indietro nel tempo.

3. La colonna sonora 

I brani che accompagnano la visione di TEOTFW sono accuratamente selezionati proprio per farci respirare quell’atmosfera rétro del punto 2.

Basti pensare alle dive americane anni Sessanta Bernadette Carrol e Wanda Jackson. Ma anche francesi, come Fraçoise Hardy. O ai gruppi come Larry Chance and The Earls, The Monzas o The Vocaleers

https://www.youtube.com/watch?v=FVfAOPAwFAs

Ma si va anche più indietro, a Hank Williams, per esempio.

Per poi arrivare alla musica dei giorni nostri, che comunque conserva una vena vintage alla Bob Dylan, come questa incantevole ballata

Per la lista completa, date un occhio qui. Ne vale la pena.

4. Uno sguardo originale sull’adolescenza 

Grazie alla commistione di generi tra cui spazia TEOTFW – dal  romanzo di formazione al thriller, dal teen drama al tragicomico, fino al romanzo d’avventura on the road – questo telefilm ci racconta la vita di due adolescenti in modo non scontato.

James crede di essere uno psicopatico assassino, desidera uccidere qualcuno e trova in Alyssa la vittima perfetta. Alyssa, dal canto suo, è accantonata dal padre e ignorata da una madre visibilmente depressa che si è risposata con un uomo più giovane, altrettanto visibilmente maniaco. E violento.

Entrambi vivono situazioni familiari complesse, ma non irrealistiche. Cercano il modo di evadere e lo fanno in modo irresponsabile, impantanandosi in situazioni ancor più complicate. Ma decisamente avvincenti.

Alyssa e James conoscono la morte, l’amore, l’affetto, la tenerezza, la spensieratezza e l’età adulta in modi assurdi. Si trasformano in due antieroi politicamente scorretti.

5. Humor nero

Questa favola di crescita è disseminata di humor nero a dir poco esilarante. Alyssa è sagace e scorretta, James è asociale e disturbato. Insieme formano una coppia tragicomica che ci porta a ridere anche di fronte agli avvenimenti più gravi e violenti. Non senza destabilizzarci, dato che i temi trattati sono lo stupro, l’abuso di minori, il suicidio e l’omicidio.

Se i cinque motivi per vedere The End of the Fucking World vi hanno convinto, non vi resta altro che connettervi a Netflix e lasciarvi trascinare da Alyssa e James.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *