Europa,  Viaggi

Germania on the road: tra Wilhelmshöhe e Francoforte

Lasciamo i dintorni di Berlino per iniziare la nostra discesa verso il sud-ovest della Germania, proseguendo il nostro viaggio on the road da Wilhelmshöhe fino a Francoforte.

Il castello di Löwenburg

germania wilhelmshöhe francoforte

La prima tappa della giornata è il castello di Löwenburg, situato nella cittadina di Kassel, a 4 ore di auto da Berlino.
Löwenburg è un piccolo maniero in stile medievale, commissionato da Guglielmo IX tra il 1793 e il 1800. La struttura ricrea quella dei tipici castelli medievali nordeuropei ed è stato volutamente costruito con l’intento di simulare una rovina.
Come gran parte degli edifici storici tedeschi, anche il castello di Löweburg era in ristrutturazione, di conseguenza era visitabile solo dall’esterno.

germania wilhelmshöhe francoforte
germania wilhelmshöhe francoforte

Da qui si può raggiungere attraverso un sentiero nel bosco la fontana di Ercole, simbolo della nostra prossima tappa, il parco naturale di Wilhelmshöhe, dichiarato patrimonio UNESCO.

Il parco barocco di Wilhelmshöhe

germania wilhelmshöhe francoforte

A causa del poco tempo a disposizione, decidiamo di raggiungere il parco di Wilhelmshöhe in auto anziché a piedi.
La reggia di re Guglielmo IX è dominata dagli enormi giardini, incorniciati dalla maestosa fontana-cascata in stile barocco di Ercole, che domina il parco dall’alto di una collina.

germania wilhelmshöhe francoforte

Il parco, voluto proprio da Re Guglielmo, è in realtà un capolavoro del rococò ed è disseminato di strutture in pietra e ponticelli, perfettamente inseriti nel contesto naturale, che diventa cornice perfetta di un quadro che racconta quasi due secoli di storia.

germania wilhelmshöhe francoforte
Teufelsbrucke
germania wilhelmshöhe francoforte
sempre il fatato Teufelsbrucke

Purtroppo gran parte delle fontane sono rimaste senza acqua e il panorama assume tinte decadenti davvero suggestive.
Decidiamo quindi di percorrere i vialetti del parco per raggiungere la sommità della collina, dove si trova il monumento a Ercole, simbolo di potere e opulenza. Una architettura del paesaggio attentamente studiata e realizzata utilizzando diverse tecniche artistiche.

germania wilhelmshöhe francoforte

Costituita da un basamento di circa 70 metri, percorribile inerpicandosi lungo la scalinata di pietra, la fontana dovrebbe contenere 750 mila litri di acqua, che si riversa lungo cascate artificiali e naturali per circa 12 chilometri.

Da Wilhelmshöhe a Francoforte, tra modernità e tradizione

Lasciamo Kassel per dirigerci verso Francoforte sul Meno, dove l’indomani ci attende la visita della metropoli. Ci accampiamo in una zona collinare che si affaccia sui grattacieli della città e ci godiamo la quiete della campagna silenziosa.

germania wilhelmshöhe francoforte

Ci svegliamo presto, parcheggiamo Havana ai margini della città, accessibili senza bollino verde, e inforchiamo i fidati monopattini elettrici, sfrecciando lungo il Meno verso il centro storico.

La città che si presenta ai nostri occhi è un mix perfettamente equilibrato tra tradizione e modernità, dove le case ricostruite in perfetto stile nordeuropeo si incontrano con gli svettanti grattacieli del quartiere finanziario.

Il centro storico

La nostra visita parte dalla piazza più famosa di Francoforte, sede dei mercatini di Natale della città: Römeberg.
Qui una serie di undici edifici in legno ricostruiti dopo il bombardamento della Seconda Guerra Mondiale fa da cornice alla Fontana della Giustizia e alla casa Wertheim.

Eretta nel 1600, la casa Wertheim è l’unico edificio rimasto in piedi dopo i bombardamenti del 1944. Ristrutturata nel 1964, è oggi sede di un ristorante e di una bäckerei.

Percorriamo la zona pedonale affascinate da tutta la bellezza che Francoforte ci offre, tra piazzette, torri, hotel dal sapore antico e porte.

Concludiamo la visita al centro storico ammirando il Duomo di Francoforte, realizzato in mattoni rossi e dedicato a San Bartolomeo. Costruito in stile gotico, la cattedrale custodisce numerose reliquie ed è possibile raggiungere la vetta del campanile per ammirare la città dall’alto.

Il distretto finanziario

Lasciato il centro storico, basta attraversare la strada per essere catapultate in un mondo parallelo, fatto di grattacieli spettacolari. Dai turisti di ogni nazionalità a donne e uomini d’affari con il caffè o il cellulare in mano.

La particolarità di Francoforte è proprio questa: il connubio perfetto tra tradizione e modernità, un incontro che non disturba, ma affascina. I grattacieli sono eleganti, discreti nella loro maestosità, e particolarmente innovativi nelle forme e nella struttura. Riescono infatti a conferire alla città un senso di leggerezza moderna e all’avanguardia.

Cuore pulsante dell’Unione Europea, la cosiddetta New York tedesca è anche sede di alcuni organi centrali dell’UE, come la Banca Centrale Europea.

Eiserner Steg, il ponte in ferro che attraversa il Meno

La Germania da Wilhelmshöhe e Francoforte verso Heidelberg

In questo articolo abbiamo esplorato parte dell’ovest della Germania, dalla zona del parco naturale di Wilhelmshöhe fino a Francoforte.
Nel prossimo articolo giungeremo alla fine del nostro bellissimo viaggio, raccontando le nostre ultime tappe. Scopriremo la città universitaria di Heidelberg fino ad arrivare alle porte della Forsta Nera e di Friburgo, sostando infine sulle sponde del lago di Costanza.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *