Italia,  Viaggi

Borgo e castello di Gradara

Il borgo

In questo articolo faremo un giro per il borgo e castello di Gradara.

Gradara è una cittadella medievale situata in provincia di Pesaro, a pochi passi da Rimini, eletta borgo più bello d’Italia proprio quest’anno.

Il borgo di Gradara è cinto da mura e dominato da un imponente castello, teatro dell’amore e delle sventure di Paolo e Francesca, di cui narra Dante Alighieri nel Canto V dell’Inferno.

Percorrendo i bellissimi vicoli antichi, addobbati in occasione del festival Magic Castle, è possibile arrivare alle porte del castello. Da qui si scorge la torre dell’orologio, parte integrante del complesso murario.

Il castello 

Pagato il biglietto di ingresso, la visita ha inizio nelle carceri, dove i prigionieri venivano torturati sotto lo sguardo vigile del loro aguzzino, che vi aveva libero e privilegiato accesso grazie all’uso di una botola.

Dopo aver abbandonato questo luogo tetro e inquietante, è possibile visitare le varie stanze che compongono il castello. Tra soffitti a cassettoni finemente decorati e ricostruzioni settecentesche, la sontuosità regna sovrana.

Infatti la proprietà del castello passò tra le mani delle famiglie più potenti d’Italia. Malatesta, Sforza, Borgia e della Rovere si alternarono al potere, trasformando il piccolo borgo di Gradara in un punto strategico.

Anche Lucrezia Borgia alloggiò presso il castello, dove è possibile ammirare il suo camerino e la sua stanza.

Paolo e Francesca

Indubbiamente l’antro più interessante della struttura è la camera di Francesca. Situata accanto al mastio e destinata ad accogliere il Signore, qui viene ricostruita la storia tragica dei due amanti.

Ispirata al dramma in cinque atti di Gabriele D’annunzio, la vicenda ripercorre l’innamoramento adulterino di Paolo e Francesca.

Affascinati dalla narrazione della storia di Lancillotto e Ginevra, i due abbassano la guardia e si lasciano sfuggire un romantico bacio. Gianciotto Malatesta, marito di Francesca e fratello di Paolo, li scopre e li uccide con la spada. Vano è il tentativo di Paolo di fuggire attraverso la botola posta sul pavimento della stanza.

Questo episodio valse a Paolo e Francesca la collocazione nel girone infernale dei lussuriosi.

Uscendo dal castello e dirigendosi verso la torre dell’orologio è possibile raggiungere l’ingresso dei camminamenti. Da qui si godere una vista incantevole sulla cittadella e sul golfo di Rimini.

 

Per maggiori informazioni: borgo e castello di Gradara

Prosegui l’itinerario: San Marino lo Stato a forma di borgo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *