Europa,  Viaggi

Scozia on the road: Highlands e costa occidentale lungo la North Coast 500

Ecco la seconda parte del foto racconto del nostro viaggio in Scozia on the road: Highlands e costa occidentale lungo la North Coast 500.

In questo articolo percorreremo le Highlands scozzesi, fino ad arrivare all’Isola di Skye, dove avrà inizio la terza e ultima parte del viaggio. Qui potete trovare la prima parte, che ripercorre la costa est della Scozia fino a Loch Ness e Inverness.

Quinto giorno

Dopo il meritato riposo, si riparte con l’emozione di entrare finalmente nelle leggendarie Highlands scozzesi! Il grande nord è sempre più vicino. 

Il castello di Dunrobin si trova proprio sulla nostra via e con grande sorpresa scopriamo che il suo cortile viene lasciato aperto affinché i camperisti possano appoggiarvisi per trascorrere la notte. Ovviamente è troppo presto per visitare gli interni del maniero, quindi lo ammiriamo dall’esterno.

Marciamo verso Whaligoe Steps, punto panoramico da cui parte una scalinata impervia che si tuffa nel mare. Qui incontriamo un personaggio davvero fuori dal comune: nipote del pescatore che ha realizzato la scalinata per raggiungere il porticciolo naturale, lo strambo signore ci illustra la storia di quella zona, partendo da una fotografia d’epoca che ritrae le reti e le barche nell’insenatura, con il mare che infuria intorno. Chiudiamo un occhio sulla bandiera sudista che ha appeso in giardino e ci dirigiamo verso la scalinata, dove intercettiamo il volo degli uccelli. Proprio qui sorge un piccolo e grazioso – quanto improbabile, data la posizione – caffè.

Proseguendo verso Wick, incontriamo due castelli a picco sulle scogliere: Old Wick Castle e il fantastico Castle Sinclair, quest’ultimo immerso in un panorama mozzafiato e recentemente restaurato, situato vicino a un faro chiuso al pubblico.

 

Ed eccoci finalmente giunte a John O’Groats, la punta a nord-est della Scozia! Un paesino decisamente più turistico, dove troviamo molti viaggiatori come noi, delle nazionalità più disparate. Qui si staglia di fronte a noi l’incredibile panorama della Duncansby Head, dove rimaniamo ancora una volta a bocca aperta. Tre grossi speroni rocciosi emergono dalle acque della baia, creando uno spettacolo naturale stupefacente.

Ripartiamo alla volta di Dunnet, dove delle spiagge bianche dall’aspetto caraibico si immergono nell’acqua bassa e cristallina.

Ci spingiamo verso Dunnet Head seguendo una stradina tortuosa e giungiamo così nel punto più a nord della Gran Bretagna, escluse le isole. Il panorama è dominato da un faro e dalle grandi scogliere a picco sul mare.

Purtroppo però non può filare sempre tutto liscio… Di ritorno da Dunnet, l’autista di una Land Rover taglia la curva, distruggendo lo specchietto del guidatore del nostro minivan.

Dal momento che il furbastro decide di sparire nel nulla in quanto in torto, ci fermiamo per recuperare il vetro, mezzo frantumato. Riusciamo a riattaccarlo con del nastro adesivo, ma immaginiamo già che il danno sarà a carico nostro. Immaginando bene, il costo di riparazione ammonterà a quasi 300 sterline, non coperte dall’assicurazione stipulata dalla Edinburgh Campervans.

Non lasciandoci abbattere da questo episodio, raggiungiamo Durness, dove ci attende la nostra prima notte di campeggio. Il Sango Sand Oasis è un piccolo campeggio situato in cima a una scogliera sovrastante la selvaggia Sango Beach, sferzata dal vento e in una posizione che definire panoramica è riduttivo. Nonostante questo, il prezzo del pernottamento è molto contenuto (spendiamo infatti meno di 20 sterline) e i servizi puliti. Il tramonto come sempre tarda ad arrivare così a nord, ma al crepuscolo lo spettacolo è magico.

Sesto giorno

Doccia, riposo e si ricomincia a macinare miglia lungo la nostra Scozia on the road: le Highlands e la costa occidentale lungo la North Coast 500, fino ad arrivare alla cittadina portuale di Ullapool.

Dopo una breve sosta, proseguiamo verso la tappa successiva del nostro viaggio: il pittoresco Eilean Donan Castle, situato a Dornie, a ridosso di una lingua di terra che si tuffa nell’acqua.

Decidiamo di spingerci fino all’Isola di Skye, destinazione Portree. Ma questo è argomento per il prossimo articolo di Scozia on the road: Isola di Skye Glen Coe Dunblane Stirling e Edimburgo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *